">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Mr. Nuke

Mr. Nuke

(16 Marzo 2011) Enzo Apicella
Nonostante il disastro di Fukushima imperversa l'ipocrisia filonucleare

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Capitale, ambiente e salute:: Altre notizie

Nessuna tregua per gli oranghi

Il bracconaggio di oranghi continua in Indonesia, Malaysia e Thailandia, Pesantemente coinvolti nel traffico Kuwait, Russia e Corea del Sud

(22 Agosto 2023)

Orango

Il 19 agosto si è celebrato il World Orangutan Day ma, nonostante la loro intelligenza e somiglianza sia così riconosciuta da sempre che il loro nome significa “Persona della foresta”, per gli oranghi c’è ben poco da festeggiare: il futuro di questi grandi primati – gli unici dell’Asia – è minacciato dalla deforestazione e dal bracconaggio e Traffic denuncia che vengono ancora catturati e venduti nel mercato illegale di animali domestici.

Da gennaio a luglio, almeno 161 esemplari vivi sono stati sequestrati in Indonesia, Malaysia e Thailandia. Idati di Traffic mostrano i dati di 103 sequestri che hanno comportato la confisca e la consegna di oranghi detenuti come animali domestici e individui scoperti mentre venivano venduti nei tre Paesi.

L’orangutan è originario dell’Indonesia e della Malaysia ed è in gran parte minacciato dalla perdita dell’habitat. Ma i giovani oranghi sono presi di mira soprattutto per il commercio illegale di animali domestici. Più della metà del numero di oranghi salvati dai bracconieri e trafficanti nel 2023 erano giovani. Gli oranghi diventano indipendenti dalle loro madri solo dopo 8 anni e le madri sono fortemente protettive nei confronti dei loro piccoli. E’ quindi molto probabile che. alla ricerca di cuccioli per il commercio di animali domestici, molti più oranghi siano stati cacciati di frodo o uccisi rispetto a quanto si sa solo da questi casi rilevati.

Kanitha Krishnasamy, direttrice di Traffic per il sud-est asiatico, denuncia che «Ci sono stati anche due volte più sequestri e consegne di animali domestici detenuti illegalmente rispetto ai casi di tratta. Questo evidenzia la forza trainante del possesso di animali esotici e come continua a minacciare gli oranghi. La richiesta di oranghi, insieme a una spinta per rafforzare la protezione e l’applicazione della legge alla fonte, deve essere affrontata se si vuole che queste scimmie in via di estinzione abbiano qualche possibilità di sopravvivere a lungo termine»

Traffic spiega che «Dei tre Paesi studiati, l’Indonesia ha rappresentato la maggior parte dei sequestri con la provincia del Kalimantan occidentale che registra le confische più alte e il numero di oranghi sequestrati. Almeno sette tentativi di contrabbando hanno mostrato un traffico internazionale, che coinvolge Kuwait, Russia e Corea del Sud».

Mentre l’Indonesia ha registrato il maggior numero di sequestri, i dati mostrano che ha anche effettuato alcuni degli arresti di più alto livello legati al traffico di oranghi negli ultimi anni. Nel 2022, le autorità indonesiane hanno distrutto a Sumatra una rete di contrabbando di oranghi, arrestando in un’altra operazione anche un ex funzionario governativo di alto rango per possesso illegale di un orangutan.

Le tre specie conosciute di oranghi – l’orangutan di Sumatra, del Borneo e del Tapanuli – sono tutte elencate come in pericolo di estinzione nella Lista rossa IUCN delle specie minacciate di estinzione. L’orango del Tapanuli è stato descritto come specie solo nel 2017 ed è considerata la specie di grande scimmia più rara al mondo, con una popolazione di circa 800 individui, confinata in un areale ristretto nell’isola indonesiana di Sumatra.

greenreport

9973