il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Ultime notizie    (Visualizza la Mappa del sito )

No nightmare

No nightmare

(18 Settembre 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

DIRITTI DEI LAVORATORI

Ultime notizie

Imperialismo e guerra

Ultime notizie (dal 10 Maggio 2017 a oggi )

Afghanistan, i generali di Trump e la strategia del riarmo

Mister Trump avrà pure apprezzato la medaglia con l’ulivo della pace consegnatagli da papa Francesco, ma anche questo è mera maschera diplomatica, più della discussa mano tesa all’avvenente consorte Melania. Che conoscendo con chi ha (ahilei) a che fare, la respinge. Perciò oltre ai 350 miliardi di armamenti da rifilare all’alleato saudita, reso satollo...

(26 Maggio 2017)

Enrico Campofreda

Malalai Joya: “L’Afghanistan è una mucca malata di cui i predatori vogliono un pezzo”

Signora Joya, negli ultimi mesi le istituzioni afghane hanno offerto al fondamentalista Hekmatyar il ruolo di mediatore verso i talebani. Una presunta stabilizzazione passa per l’iniziativa di un signore della guerra? Questa pacificazione è peggiore della guerra. L’unione fra governo e signori della guerra non può che essere un nocumento per le forze progressiste e per chi...

(11 Maggio 2017)

Enrico Campofreda

24 MAGGIO 1915: L'ITALIA ENTRA IN GUERRA

COME OGNI ANNO DEVE ESSERE RICORDATA SEMPRE LA SCELLERATEZZA DELLA MONARCHIA ,DEI GOVERNANTI, DELLA BORGHESIA, CAPACI DI GETTARE MILIONI DI VITE UMANE DENTRO AD UNA TRAGEDIA DI INCALCOLABILE PORTATA PER LA LORO INSENSATA VOLONTA’ DI POTENZA, DOMINIO, SFRUTTAMENTO. NON DIMENTICARE MAI E RICORDARE SEMPRE DA CHE PARTE SI COLLOCANO GRAVISSIME RESPONSABILITA’ STORICHE. RICORDARE SEMPRE ANCHE...

(23 Maggio 2017)

Franco Astengo

Rohani ai sauditi: urne non armi

Il sorriso più beffardo che pacifico di Hassan Rohani, presidente iperconfermato dell’Iran della Rivoluzione Islamica, ha caratterizzato il suo primo intervento pubblico. A ridosso di un’elezione molto partecipata dalla popolazione (42 milioni di votanti sui 55 milioni aventi diritto) il chierico sciita si toglie qualche sassolino dalla scarpa, parlando della dinastia saudita visitata...

(23 Maggio 2017)

Enrico Campofreda

Iran, Rohani bissa la presidenza

Più di sette milioni di iraniani fanno pendere l’ago della bilancia d’un voto partecipato verso il presidente uscente Rohani. Per lui s’esprimono ventidue milioni e ottocentomila cittadini contro quindici milioni e mezzo che scelgono Raisi. Insignificanti le preferenze dirottate su Mirsalim (455.000) e Heshmitaba (210.000). Ma l’ufficialità dell’elezione...

(20 Maggio 2017)

Enrico Campofreda

Iran, ayatollah contro per un futuro condiviso

Alla vigilia del voto il gioco delle parti fra i conservatori iraniani è giunto al capolinea. Qalibaf si ritira, appoggiando Raisi. Il sindaco di Teheran aveva fatto una sorta di melina calcistica con una precedente retromarcia e un successivo rientro, tanto da alimentare l’idea di un’alternativa laica a quella clericale dell’ayatollah di Mashhad. Ma si trattava di tattiche,...

(17 Maggio 2017)

Enrico Campofreda

Iran, la difficile scelta di un presidente per tutti

A quattro giorni dal voto per le presidenziali il governatore della provincia di Teheran, Hossein Hashemi, ha ricordato che tutti i raduni a sostegno dei candidati sono vietati. Egualmente eventuali incontri pubblici davanti al quartier generale del proprio politico hanno bisogno d’un permesso governativo. E’ una sorta di stretta dall’alto quella che si percepisce in queste ore nel...

(15 Maggio 2017)

Enrico Campofreda

MANCHESTER – ACERBO (PRC): «GIUSTIZIA E PACE PER FERMARE LA BARBARIE. CORDOGLIO PER LE VITTIME. RESTIAMO UMANI»

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, dichiara: «Di fronte a questo orrore bisogna restare umani e non smettere di indignarsi e, senza farsi trascinare nella spirale dell’odio, continuare a lottare contro chi strumentalizza il terrore, contro chi soffia sul fuoco alimentando la paura, contro chi semina guerra e violenza. Senza giustizia...

(23 Maggio 2017)

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino Da peacelink.it E' motivo di grave inquietudine anche il fatto che di fronte ai gravi e minacciosi...

(19 Maggio 2017)

Michele Di Schiena

Manifestiamo uniti contro la politica di guerra!
Fuori dalla NATO e dalla UE guerrafondaie
e antipopolari!

Dichiarazione sul vertice NATO di Bruxelles

Il prossimo vertice della NATO che si terrà a Bruxelles il 24-25 maggio, con la presenza dell’ultrareazionario guerrafondaio Trump, vedrà un’ampia mobilitazione internazionale del movimento popolare per la pace e la democrazia. Noi, membri europei della Conferenza Internazionale di Partiti e Organizzazioni Marxisti-Leninisti (CIPOML), appoggiamo risolutamente l’azione...

(15 Maggio 2017)

ABBASSO IL G7 IMPERIALISTA!
SVILUPPIAMO LA RESISTENZA E LA SOLIDARIETA’ OPERAIA E POPOLARE!

La scelta di svolgere il vertice del G7 a Taormina è funzionale alla logica di chi vuole fare della Sicilia una terra sempre più asservita al capitale finanziario internazionale, zeppa di basi militari, logistiche e spionistiche USA, NATO e italiane, ostile all’accoglienza dei migranti, costretta a subire i peggiori disastri ambientali (dai grandi impianti inquinanti, all’aumento...

(22 Maggio 2017)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Usb Viterbo: Incontro con la Carovana Antifascista di ritorno dal Donbass

Si terrà martedì 23 maggio l’incontro con la Carovana Antifascista che da pochi giorni è tornata dal Donbass, nell’Ucraina Orientale. Eleonora Forenza, europarlamentare di Altra Europa, Giorgio Cremaschi, ex segretario Fiom, e Andrea Ferroni, portavoce dei Giovani Comunisti si erano recati nella regione, per portare solidarietà alla popolazione in lotta con...

(20 Maggio 2017)

Usb Viterbo

Palestina: chi passerà alla storia, il carceriere o chi fa lo sciopero della fame?

Comincia la quarta settimana di sciopero della fame di più di 1.200 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Viene mantenuta l’incomunicabilità e l’isolamento dei prigionieri, mentre in tutto il mondo ci sono manifestazioni di solidarietà, in particolare in israele e nei Territori Occupati della Palestina. L’aneddoto della settimana è stato il...

(18 Maggio 2017)

Gideon Levy - Traduzione a cura di Daniela di Daniela Trollio Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”, Sesto San Giovanni

Sviluppare la solidarietà con i prigionieri politici palestinesi in sciopero della fame!

Dal 17 aprile più di 1.800 prigionieri politici palestinesi hanno iniziato uno Sciopero della fame a oltranza. Lo Sciopero per la Dignità, che per numero dei partecipanti e durata, non ha eguali nella storia, sta andando avanti con coraggio e determinazione, nonostante tutte le manovre, le intimidazioni e la repressione delle autorità israeliane. Le rivendicazioni dei prigionieri...

(13 Maggio 2017)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

La polizia israeliana mostra ai bambini come “uccidere un terrorista” durante un evento in Israele

Betlemme-Ma’an. Lunedì, durante un evento della polizia e dei servizi di sicurezza tenutosi per centinaia di studenti delle elementari, a Ramat HaSharon, la polizia israeliana ha tentato di ricreare quelle che i gruppi per i diritti hanno definito “esecuzioni extragiudiziali” di palestinesi colpevoli di attacchi, o di presunti attacchi, contro israeliani, per insegnare ai...

(10 Maggio 2017)

Agenzia stampa Infopal

789613