il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Come diceva Archimede...

Come diceva Archimede...

(30 Dicembre 2009) Enzo Apicella
Dopo il ritrovamento di una automomba a Times square gli USA rilanciano l'allarme terrorismo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Archivio notizie

Imperialismo e guerra

(10233 notizie - pagina 1 di 512)

SIRIA: I CURDI ATTACCANO LA CAPITALE DELL’ISIS

Dalla battaglia per la difesa e la liberazione di Kobane, nel 2014, sono cambiate molte cose. Le forze curde di autodifesa (YPJ, YPG) hanno quasi concluso la fase di preparazione e di mobilitazione per l’attacco finale a Raqqa, capitale delle milizie jihadiste di Daesh (Stato Islamico o ISIS). L’agenzia stampa russa Sputnik ha, infatti, riferito che il presidente del partito dell’Unione...

(26 Maggio 2016)

Stefano Mauro


in: «Siria, tra guerra civile e ingerenze imperialiste»

Da fascista ad anti-militarista: intervista ad un ex soldato turco /seconda parte

Quando eri a militare, sei stato catturato dalla guerrilla. Ci puoi spiegare cosa è successo? “Nel mese di settembre, cinque o sei mesi dopo il mio arrivo nell’esercito, sono stato catturato dai combattenti del PKK, qua vicino, a 30-40 km di distanza. Prima di allora circa quaranta dei nostri soldati sono stati uccisi dai guerriglieri nel corso di un'operazione militare contro...

(24 Maggio 2016)


in: «I cento volti della Turchia»

Erdogan, l’ora dell’apoteosi

E’ Binali Yildirim, finora ministro dei Trasporti, il nuovo premier turco. Uomo della velocità per l’esecuzione dei progetti Marmay, il canale ferroviario sotto il Bosforo, di Eurasia, tunnel automobilistico sempre sotto il livello marino, del ponte Sultan Selism fra le sponde europea e asiatica, un fedele applicatore della frenesia tecnologica e commerciale con cui Erdogan esalta...

(23 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «I cento volti della Turchia»

HEZBOLLAH: AUMENTEREMO LA NOSTRA PRESENZA IN SIRIA

Il discorso di venerdì del segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha sedato, se possibile, qualsiasi dubbio riguardo la morte del comandante Mustafa Badreddine in Siria. Come del resto avviene da tempo, in ogni momento di difficoltà del partito sciita, Nasrallah interviene con i suoi discorsi televisivi in maniera da indicare la linea politica e militare da seguire sia ai...

(23 Maggio 2016)

Stefano Mauro


in: «Siria, tra guerra civile e ingerenze imperialiste»

Qual è la vera politica estera di Obama? Chiedete alla Nuland.

La Rochefoucauld disse, e tanti altri ripeterono, che l’ipocrisia è un omaggio reso dal vizio alla virtù. Obama è andato ben oltre, ogni suo intervento è una presa per i fondelli nei confronti della verità. Se vogliamo capire qualcosa della sua politica, non dobbiamo basarci sui suoi discorsi, sempre e comunque svianti, ma su dichiarazioni di suoi collaboratori,...

(22 Maggio 2016)

Michele Basso


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Libertà per le sei compagne del DIP incarcerate in Turchia!

Petizione internazionale

Sei donne, militanti del Partito Rivoluzionario dei Lavoratori (DIP) della Turchia, sono perseguitate per la loro attività in occasione dell'8 marzo. Sono ora sotto processo in tribunale per "sostegno e propaganda del terrorismo" semplicemente perché hanno espresso solidarietà con le donne curde sfacciatamente represse e umiliate dalle forze di sicurezza. Il 6 marzo 2016 le sei...

(21 Maggio 2016)

Partito Comunista dei Lavoratori


in: «I cento volti della Turchia»

Da fascista ad anti-militarista: intervista ad un ex soldato turco /prima parte

Di Tom Anderson e Eliza Egret - Yannis Vasilis Yaylali è stato allevato da fiero nazionalista turco. Proveniente da un ambiente fascista, si è arruolato nell'esercito nel 1990, in un'epoca in cui la Turchia stava conducendo gli attacchi più brutali di sempre contro la popolazione curda. Yannis non vedeva l’ora ‘di andare ad est a combattere i curdi’. Dopo pochi...

(21 Maggio 2016)


in: «I cento volti della Turchia»

PALESTINA: 68 ANNI DI OCCUPAZIONE

Domenica 15 Maggio è stata celebrata, nei territori occupati, la commemorazione dei 68 anni della Nakba ( in arabo “catastrofe”) che rappresenta per il popolo palestinese l’esilio dalla propria terra e l’auto-proclamazione dello stato di Israele avvenuta il 15 Maggio 1948. Dopo la conclusione della prima guerra tra ebrei ed arabi, infatti, oltre settecentomila persone...

(19 Maggio 2016)

Stefano Mauro


in: «Palestina occupata»

Ministri afghani: incarichi e riciclaggi

Muhammad Stanakzai alla Direzione Nazionale della Sicurezza, Abdullah Khan al Ministero della Difesa sono i nomi scelti dalla diarchia afghana Ghani-Abdullah per occupare quei posti rimasti a lungo vacanti perché non ricevevano il voto di fiducia del Parlamento. Con l’approssimarsi del vertice Nato di Varsavia (luglio 2016), al quale è invitato, Ghani non vuol farsi trovare coi...

(19 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

Roma, 19 maggio: contro il golpe in Brasile

I Brasiliani a Roma promuovono una manifestazione contro il Golpe in Brasile. Giovedi 19 alle 17,30 in Piazza Vidoni (nei pressi di Largo di Torre Argentina) - Roma Lo scorso 12 maggio il Senato del Brasile ha approvato il giudizio politico contro la Presidente, accusata di aver cambiato destinazione a voci del bilancio statale. Violata la volontà di più di 54 milioni di brasiliani...

(18 Maggio 2016)

PRC-SE


in: «Americas Reaparecidas»

Erdogan, il rebus dei conti

I numeri sono, e non da oggi, una delle ossessioni di Recep Tayyip Erdogan. Le elezioni della riscossa dello scorso novembre, che hanno riconsegnato al partito della Giustizia e dello Sviluppo la sicurezza di governo, non garantiscono lo strapotere all’uomo del comando. Nell’attuale parlamento turco l’Akp ha 316 seggi, gli altri partiti rispettivamente 232, divisi fra i 133 dei repubblicani...

(17 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «I cento volti della Turchia»

Un appello interessante contro il “Premio Napoli Città di Pace” alla ministra Pinotti

Ospitiamo volentieri sul nostro sito l’appello che abbiamo letto sul manifesto del 5 maggio 2016. Lo firmano, insieme ad altri, alcuni uomini di chiesa, tra i quali il vescovo di Caserta Raffaele Nogaro e il padre comboniano Alex Zanotelli. Con questo appello si denuncia l’iniziativa dell’Unione Cattolica Stampa Italiana che ha attribuito all’attuale ministra della Difesa Roberta...

(15 Maggio 2016)

nucleocom.org


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

UCCISIONE BADREDDINE: ENNESIMO OMICIDIO DI STAMPO JIHADISTA SU MANDATO ISRAELIANO

Il vice segretario generale di Hezbollah, Naim Qassem, ha annunciato che l’intelligence del partito sciita annuncerà nelle prossime ore “tutti i dettagli che hanno portato all’uccisione del comandante militare Mustafa Badreddine alias sayed Zulfikar”. In un discorso commemorativo, durante i funerali che si sono svolti a Ghobeyri quartiere a sud di Beirut e roccaforte...

(14 Maggio 2016)

Stefano Mauro


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Afghanistan, tornano le esecuzioni governative

Sei corpi appesi, col cappio al collo. E’ accaduto giorni addietro nel supercarcere di Pol-e-Charkhi, Afghanistan. I giustiziati erano sei. Quattro talebani: due miliziani ordinari, che piazzando Ied avevano fatto fuori poliziotti nei distretti di Paktika e Paghman, un altro condannato per l’attacco all’ospedale militare Daud Khan e anche lì i colpiti erano militari e agenti...

(13 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

Renzi e il ritorno italiano al Cairo

Nel puzzle della politica i tasselli talvolta vengono mancare, soprattutto se qualcuno si perde per inciampi di via. L’importante è sostituirli. Il destino dell’ex ministra dello Sviluppo economico Guidi, figlia imprenditrice di Guidalberto che fu vicepresidente di Confindustria, era a sua insaputa legato all’Egitto. Fu durante una sua visita al Cairo nei primi del febbraio...

(11 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

OCCORRE IMPEDIRE UNA STRAGE ANNUNCIATA

Il governo italiano si appresta ad inviare centinaia di soldati alla diga di Mosul, a pochi chilometri dalla metropoli irachena da due anni occupata dall'organizzazione terrorista dell'Isis. Mentre si prepara una battaglia cruentissima, e un attentato alla diga può avere esiti apocalittici. Ogni persona ragionevole sa che la presenza dei soldati italiani alla diga di Mosul renderà sia...

(10 Maggio 2016)

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Partiti e clan libanesi: la ripartizione del potere dura a morire

Nella graduale disamina delle elezioni libanesi, che riguarda pur sempre l’amministrazione delle municipalità, accanto al non voto è presente quel sostegno rivolto a liste locali solo apparentemente distanti da partiti e confessioni. Qualche osservatore che già azzarda considerazioni su un’emancipazione dalla logica delle famiglie, da decenni mano allungata sulla politica...

(10 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

DAL FALLIMENTO DEL PLAN COLOMBIA AI DIALOGHI DELL'AVANA

*Dopo dieci anni dal lancio del Plan Colombia e della fallimentare politica di “Sicurezza Democratica”, si arriva al tavolo dei dialoghi di pace dell’Avana tra le due parti belligeranti. Tutti gli obiettivi strategici del Plan Colombia si sono infranti contro la resistenza popolare delle FARC-EP e l’attuale presidente Juan Manuel Santos, ex ministro della guerra di Uribe, ha...

(9 Maggio 2016)

Associazione Nazionale Nuova Colombia


in: «Un'altra Colombia è possibile»

Libano, il rifiuto della vecchia politica

Sembra non farcela la lista della società civile “Beyrouth Madinati” contro il listone delle famiglie “Les Beyrouthins“ che si sono strette assieme (Hariri jr, Geagea, il generale Aoun) per vincere elezioni amministrative libanesi ferme al 2010, in una nazione con un Parlamento bloccato al 2009 e da due anni senza presidente. I primi indizi del voto di domenica, che...

(9 Maggio 2016)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Milano, 11 maggio: incontro con Ass.Nuova Colombia e Julian Cortes

MERCOLEDI 11 MAGGIO ORE 21.30 INCONTRO E DIBATTITO: "DAL FALLIMENTO DEL PLAN COLOMBIA AI DIALOGHI DELL'AVANA" CON L'ASSOCIAZIONE NAZIONALE NUOVA COLOMBIA e JULIAN CORTES Dopo dieci anni dal lancio del Plan Colombia e della fallimentare politica di "Sicurezza Democratica", si arriva al tavolo dei dialoghi di pace dell'Avana tra le due parti belligeranti. Tutti gli obiettivi strategici del Plan Colombia...

(8 Maggio 2016)

csavittoria.org


in: «Un'altra Colombia è possibile»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

840239