il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Air America

Air America

(4 Ottobre 2011) Enzo Apicella
Gli USA chiedono sanzioni contro la Siria al Consiglio di Sicurezza Onu

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Archivio notizie

Imperialismo e guerra

(10675 notizie - pagina 1 di 534)

Afghanistan 2017: i conti con la morte

L’ultimo rapporto Unama (la struttura delle Nazioni Unite che si occupa di Afghanistan) per l’anno che si è chiuso mostra una nota leggermente confortante: ci sono meno vittime civili rispetto al 2016 e a quella tendenza in costante crescita dal 2009. Otto anni nei quali si sono contati 28.291 morti e 52.366 feriti. Solo il 2012 era parso come un momento di flessione degli attacchi...

(21 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

Le vite sospese nella Turchia incatenata

La sospensione della vita per gli avversari di Erdogan passa anche attraverso la trafila di processi kafkiani messi in atto dal nuovo Atatürk anatolico che i politologi definiscono sultano. Non solo per la fede islamica irregimentata a sistema politico, ma per la personalizzazione con cui incarna una nazione e il suo popolo cui chiede anima e corpo. Questa sospensione può toccare tutti....

(19 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «I cento volti della Turchia»

Rohingya piccolo popolo stretto fra gli egoismi borghesi di nazioni e di imperi

Dalla fine di agosto all’elenco di atrocità e violenze che quotidianamente caratterizzano l’attuale e mondiale sistema sociale, il capitalismo, va aggiunto quanto accaduto in Myanmar, la ex Birmania, dove l’esercito del nuovo democratico governo ha scatenato la pulizia etnica contro i rohingya, una popolazione che risiede nella regione del Raknhine – una volta chiamata...

(18 Febbraio 2018)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Egitto: Sisi imprigiona anche Aboul Fotouh

E’ costata cara l’intervista fuori dai denti che Aboul Fotouh, politico dell’opposizione egiziana (la poca tuttora resistente ed esistente) ha concesso giorni addietro all’emittente qatarina Al Jezeera. La sua accusa sulle prossime presidenziali, considerate falsate e oppressive come e peggio dell’epoca Mubarak, è stata giudicata dalla magistratura un attacco alla...

(16 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Avvoltoi tricolori sul Niger

Pubblicato sulla rivista nuova unità, febbraio 2018 “Paesi specializzati nel guadagnare e paesi specializzati nel rimetterci: ecco il significato della divisione internazionale del lavoro…… La nostra ricchezza ha sempre generato la nostra povertà per accrescere la prosperità degli altri: gli imperi e i loro caporali locali” Eduardo Galeano, Le vene aperte...

(15 Febbraio 2018)

Daniela Trollio - Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”, Sesto San Giovanni (MI)


in: «Scenari africani»

Afghanistan, l’inesauribile guerra

La quiete di questi giorni, dopo il mese del terrore (233 vittime solo di attentati, dal 28 dicembre al 29 gennaio scorsi), non illude nessuno. La guerra afghana può riprendere come nei peggiori anni dell’occupazione Nato (2009-2012), quando le truppe anti talebane toccavano il massimo: 110.000 marines, 30.000 contractors, 300.000 soldati dell’Afghan Security Army. Lo pensano parecchi...

(14 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

Afrin, sabato 17 l'iniziativa in piazza Esquilino a Roma. L'adesione di Progetto Diritti

Da sempre al fianco dei diritti del popolo curdo anche Progetto Diritti aderisce e partecipa alla manifestazione Defend Afrin-libertà per Ocalan e giustizia in Kurdistan di sabato 17 febbraio a Roma. "Scendere oggi in piazza a fianco della comunità curda è più che mai necessario", si legge in una nota di Progetto Diritti. Da 24 giorni il cantone curdo di Afrin nella Siria...

(14 Febbraio 2018)

controlacrisi.org


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

Eni, il Mediterraneo e la battaglia del gas

Fra i temi trattati en passant nella visita lampo compiuta recentemente a Roma, più per incontrare papa Francesco che Mattarella e Gentiloni, il presidente turco Erdogan aveva speso qualche manciata di secondi per annunciare al nostro Capo di Stato che le esplorazioni Eni a favore di Cipro nell’ambito della Zona Economica Esclusiva concessa al governo di Nicosia, non erano gradite a Lefkosa...

(13 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda

L’Egitto verso presidenziali blindate

La campagna elettorale del presidente egiziano Al-Sisi, una corsa volutamente solitaria, si colora di rosso sangue. Quello di nemici jihadisti fatti fuori dall’esercito nella settimana dell’operazione antiterroristica lanciata il 9 febbraio al Cairo. Sedici miliziani, o presunti tali, sono stati eliminati nella penisola del Sinai, dove risultano arrestate anche un centinaio di persone....

(12 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Il mercato dei migranti in Libia

Nella scorsa estate sono avvenuti importanti sviluppi nella questione libica, in particolare tra i governi italiano e francese, comitati d’affari dei rispettivi capitalismi, maggiormente interessati alla spartizione delle enormi risorse petrolifere del paese. Riprendiamo la sintetica descrizione dei fatti dal nostro precedente articolo nel numero 382 di questo giornale. L’intervento...

(10 Febbraio 2018)

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

La Corea, il tesoro nascosto

Robert Charvin, “Comment peut-on être coréen (du Nord)?”, Edition Delga, 2017

Questo saggio descrive sia pure in breve quello che può essere considerato una meraviglia storica: la sopravvivenza orgogliosa di un popolo nonostante i massacri che ha dovuto subire da tutte le parti del mondo, dai vicini giapponesi ai nordamericani coadiuvati da europei, tutti supportati spiritualmente dal Vaticano. Sebbene Charvin si ponga il compito di descrivere la situazione nel Nord...

(8 Febbraio 2018)

Nicolai Caiazza


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Erdogan incontra Francesco

Benvenuto o meno, Erdogan è sbarcato a Roma come il più potente dei Presidenti, visti i tremilacinquecento poliziotti che blindano la città, dall’area attorno piazza San Pietro al Quirinale, passando per palazzo Chigi, dove incontra i rappresentanti della Città del Vaticano e dello Stato Italiano: papa Francesco, il presidente Mattarella, il premier Gentiloni. Dei...

(5 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «I cento volti della Turchia»

Sul Congresso per il Dialogo Nazionale Siriano tenutosi a Sochi il 29 e 30 gennaio

Sono passati più di 5 anni da quando, nel giugno 2012, si è tenuta a Ginevra, con l’appoggio dell’ONU, la prima Conferenza Internazionale sulla questione siriana. Il 25 e il 26 gennaio scorsi, ha avuto luogo, stavolta a Vienna, la nona edizione di un appuntamento sempre più rituale, da cui non sono mai sortite serie proposte per giungere alla pace in un paese dilaniato...

(3 Febbraio 2018)

Il Pane e le rose - Collettivo redazionale di Roma


in: «Siria, tra guerra civile e ingerenze imperialiste»

Quelle mani sono sporche di sangue! Erdogan, Roma non ti vuole!

Lunedì 5 febbraio Roma sarà una città blindata per l’arrivo del presidente turco Erdogan, che incontrerà il Papa, il capo dello stato Mattarella e il primo ministro Gentiloni. A Roma è previsto un piano speciale di militarizzazione, forte di 3500 forze di sicurezza che vigileranno per impedire qualsiasi manifestazione di dissenso: infatti, verrà messo...

(3 Febbraio 2018)

Rete Kurdistan Roma


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

Afghanistan talebano e non

Sebbene il potere della propaganda caratterizzi sempre di più la geopolitica, la realtà continua a essere la cartina al tornasole con cui verificare non solo false notizie false, ma tendenze distorsive che possono nascondere solo parzialmente ciò che fatti o la loro lettura oggettivamente evidenziano. Ieri anche una testata mainstream come la Bbc ha evidenziato ciò che...

(1 Febbraio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

Afghani: rimpatri forzati fra le bombe

Tornano. Sono costretti a tornare nel Paese da cui erano fuggiti per cercare un’esistenza futura. Sono migliaia di afghani che, come altri migranti e rifugiati, si vedono respinti dall’aria che tira in Europa, un’aria xenofoba fomentata o subìta dai tanti governi Ue. Che in troppe circostanze, e nelle più diverse latitudini, non hanno attuato un’adeguata politica...

(30 Gennaio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

Drastica riduzione del numero di camion che entrano a Gaza

Gaza-PIC. Statistiche israeliane hanno rivelato che il numero di camion che trasportano merci verso la Striscia di Gaza è sceso a 350, mentre Gaza dovrebbe riceverne circa 800-1000 al giorno. Il quotidiano Yedioth Ahronoth ha affermato che la settimana scorsa il numero di camion che sono entrati nella Striscia di Gaza quotidianamente attraverso il valico di Karem Abu Salem è stato il...

(30 Gennaio 2018)

Agenzia stampa Infopal


in: «Palestina occupata»

Kabul, la corsa al primato del terrore

Prosegue la gara dell’attentato in una Kabul sfibrata più che blindata. Non c’è check-point, controllo, cinta muraria o ‘cittadella proibita’ che non possa risultare violata da attentati a ripetizione. Stamane la capitale afghana ne registra il terzo in dieci giorni, quand’è ancora mobilitata a tamponare la pesantissima strage di sabato presso l’ospedale...

(29 Gennaio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

L’associazione Vittime della Nato in Libia lotta contro l’impunità dei potenti

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori delle guerre di aggressione condotte dall’Occidente e dagli alleati del Golfo. E dire che la guerra di aggressione è bandita in modo assoluto dalla carta delle nazioni unite ed è considerata il «crimine internazionale supremo» sin dall’epoca del tribunale...

(28 Gennaio 2018)

Marinella Correggia - sibialiria.org


in: «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Cimitero-Kabul: la strage continua

Novantacinque corpi straziati, centocinquantotto feriti, fra i tanti lacerati altri perderanno la vita. Kabul centralissima, quella teoricamente super blindata e di fatto aperta alle incursioni. Perché se a portare l’attacco, come in questo caso (e a differenza degli uffici di ‘Save the childern’ di Jalalabad), sono i talebani molti varchi risultano aperti dalle infiltrazioni...

(27 Gennaio 2018)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

1035705