il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Lo squalo 3

Lo squalo 3

(26 Settembre 2012) Enzo Apicella
Freedom Flottilla: la Estelle raggiungerà Gaza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Archivio notizie

Imperialismo e guerra

(9723 notizie - pagina 1 di 487)

Le fazioni palestinesi lodano l’attacco di Hezbollah a Israele

Ma’an. Diversi partiti politici palestinesi hanno lodato l’attacco sferrato dal movimento libanese di Hezbollah, mercoledì, dopo che veicoli militari israeliani erano stati presi di mira vicino al confine. Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina ha dichiarato che l’attacco evidenzia “l’importanza estrema delle potenze della resistenza, la fiducia...

(29 Gennaio 2015)

Agenzia stampa Infopal


in: «Paese arabo»

Rojava, la tenerezza eroica delle belle bandiere

Il campo giallo con la stella rossa che garrisce al vento, immagine antica, piuttosto retorica, letta in cento poesie di patrie e soldati e guerre, di gente che combatte e crepa alla maniera antica, col fango sugli scarponi e la polvere fra i denti, riappare come se il mondo si fosse fermato. Nell’epoca dei droni - diffusori d’una morte asettica che preserva l’uccisore da rischi...

(28 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

Stato islamico e alienazione

Migliaia d’esseri umani accolgono la chiamata alle armi dell’IS, essi vanno a morire e a dare la morte in luoghi lontani, in nome di una religione e di un dio di cui si sentono inflessibili combattenti. Nessun dubbio filosofico, nessuna considerazione scettica incrina la loro fede dogmatica, convinti di possedere il monopolio della verità, commettono di conseguenza azioni crudeli...

(27 Gennaio 2015)

Partito comunista internazionale - Schio


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Egitto, lo Stato dei militari

Fra la ventina di morti registrati in Egitto nel week end del ricordo (l’anniversario della Rivoluzione tradita) e dell’ulteriore protesta (sollevata contro la legge e il presidente che reprimono i manifestanti) c’è un po’ di tutto. Una dimostrante pacifica e laicissima, qual era l’attivista socialista Shaimaa, spentasi nel centro del Cairo fra le braccia d’un...

(27 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Considerazioni a margine dei fatti di Parigi

La crisi del maledetto sistema produttivo capitalistico presenta un ventaglio di barbarie sociali ed economiche che sembra non avere mai fine.

La devastazione economica ha incrementato il parassitismo finanziario, la speculazione, effetti prima e causa poi di un sistema economico al collasso che stenta ad uscire dalle sue insanabili contraddizioni. Disoccupazione, precarietà lavorativa e sociale, pauperizzazione del proletariato, progressiva proletarizzazione dei ceti medi. Drastica contrazione dello stato sociale, contrazione delle...

(27 Gennaio 2015)

Partito Comunista Internazionalista - Battaglia Comunista

Kobanê è libera!

Dopo 134 giorni di eroica resistenza agli attacchi di ISIS, oggi finalmente le forze di difesa del popolo YPG/YPJ hanno annunciato che la città di Kobanê nel Kurdistan occidentale, Rojava, è stata completamente liberata dalle bande del cosiddetto Stato Islamico. La popolazione di Kobanê ha iniziato a festeggiare, così come in altre città curde. Questo è...

(26 Gennaio 2015)

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

Egitto, ricordare e morire

Protestava e ricordava, Shaimaa al-Sabbagh, per le vie del Cairo. Sfidando le leggi del presidente-generale Al-Sisi che da più di un anno definiscono terrorista qualsiasi dissenziente e infilano fra le sbarre ogni oppositore. Sfilava senza paura, assieme ad altri attivisti socialisti. Piccoli gruppi di temerari, senza veli né keffie di copertura a nascondere il volto. Un raduno che sapeva...

(25 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Afghanistan, il brand della liberà

Da un mese a questa parte nella ‘città proibita’ di Kabul il marchio dell’Enduring Freedom è diventato Freedom’s Sentinel. Il drappo della missione resta colorato di verde come i vessilli islamici, il motto cambia passando dall’assistenza e cooperazione all’attuale: addestramento, assistenza, consigli. Arrotolata la precedente bandiera, la forza Nato...

(25 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

L’isola di Lampedusa ad alto rischio elettromagnetico

A Lampedusa proliferano, indiscriminatamente e impunemente, sistemi radar e impianti di telecomunicazione militari, ripetitori radio-televisivi, stazioni radio-base della telefonia cellulare, ecc.. Innumerevoli sorgenti elettromagnetiche, pericolose per l’uomo e l’ambiente naturale, che rischiano di deturpare irrimediabilmente un territorio unico per fascino e bellezza. Buona parte degli...

(25 Gennaio 2015)

Antonio Mazzeo


in: «No basi, no guerre»

Saud, fra lignaggio e rinnovata potenza

Con la scelta di Salman come nuovo re e del principe Muqrin quale erede al trono, la tradizione della ricchissima e conservatrice petromonarchia saudita si pone in sintonia con talune tendenze espresse nella nazione dallo scomparso re Abdullah. Per la cronaca entrambi i designati sono figli del fondatore dell’Arabia Saudita, re Abd al Aziz Saud. Salman ha 80 anni, Muqrin è di dieci più...

(24 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Khama, la schiava del sesso

Il tristissimo caso di Khama è uguale ad altre storie di sopraffazione di genere introdotte dalle guerre. E dalla stessa pace. Certo dove imperversa la violenza, per decenni o per mille e mille anni, queste situazioni si sono ripetute. E’ un tempo fermo e infinito, che assimila stupri e oppressione sessuale a quel mondo maschile incentrato sul potere della forza e sulla forza del potere....

(22 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda

Alleati Nato e paesi “amici” si accusano reciprocamente di finanziare il terrorismo. E tutti preparano la guerra.

Le radici della guerra vanno ricercate nella situazione economico sociale dei paesi implicati e in quella generale, ed è quindi da respingere la teoria che le fa dipendere da dittatori pazzi e malvagi, da complotti di servizi segreti, da intrighi diplomatici. A differenza del materialista, l’ideologo ha una falsa coscienza, sostituisce le cause reali con quelle apparenti , e pensa idealisticamente...

(21 Gennaio 2015)

Michele Basso


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Riparte il MUOS tra sviste ed errori tecnici

Nella stazione di Cape Canaveral, Florida, le forze armate Usa e i tecnici di Lockheed Martin stanno per avviare il count down per il lancio del vettore spaziale Atlas 5-551 con a bordo il terzo satellite del MUOS (Mobile User Objective System), il nuovo sistema di telecomunicazioni satellitari che conterà su cinque satelliti geostazionari e quattro terminali terrestri, uno dei quali in via...

(20 Gennaio 2015)

Antonio Mazzeo


in: «No basi, no guerre»

Algeria, il pensiero dopo la protesta islamica

Orgoglio islamico - Accanto alle urla dell’orgoglio islamico esplose con rabbia e un’identità su cui soffia prevalentemente il credo salafita, una nazione come l’Algeria s’interroga per bocca di politici e intellettuali sul binomio secolarismo-confessionalismo. Lì il laicismo ha fatto a lungo rima col colonialismo e solo parzialmente con la lotta di liberazione...

(20 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «Paese arabo»

Hesen (Ypg): “Una resistenza senza precedenti contro le forze del terrore”

In un’intervista pubblicata sul sito della Rete del Kurdistan in Italia Sores Hesen, portavoce delle Unità di difesa del popolo, riferisce della reazione dei combattenti kurdi agli attacchi che i jihadisti dell’Isis hanno sferrato nelle ultime 48 ore su Kobanê e altre località del Rojava (Sirrin, Till Abyad). “L’Isis sta facendo giungere rinforzi quotidiani...

(19 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

AUMENTA LA PRESENZA MILITARE STATUNITENSE IN ITALIA

La profonda crisi di sovrapproduzione in cui si trova intrappolato il sistema capitalista ha inasprito i contrasti tra le principali potenze imperialiste e intensificato la loro aggressività. Assieme alle dispute economiche e politiche si moltiplicano i focolai di guerra, accelera la corsa al riarmo, si rafforzano le alleanze militari. Sebbene gli Stati Uniti siano ancora la principale potenza...

(19 Gennaio 2015)

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

L’Isis si riaffaccia a Kobanê

L’Isis non molla Kobanê e rilancia un’offensiva sulla città che nelle scorse settimane è stata riconquistata per l’80% dalle truppe kurde. Le Unità di protezione del popolo kurdo (Ypg) e di difesa delle donne (Ypj), che costituiscono buona parte della difesa di terra nell’enclave kurda del Rojava,stanno rispondendo all’offensiva. Le informazioni...

(17 Gennaio 2015)

ecam


in: «La lotta del Popolo Kurdo»

IN MEMORIA DI PATRICE LUMUMBA

Il 17 gennaio 1961 veniva assassinato Patrice Lumumba. Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo lo ricorda come testimone della dignità umana, costruttore di pace, maestro e compagno di quante e quanti lottano per la liberazione dell'umanità da tutte le oppressioni e le violenze. * Patrice Lumumba, leader anticolonialista e panafricanista, nato nel 1925, fu assassinato...

(16 Gennaio 2015)

Il Centro di ricerca per la pace e i diritti umani


in: «Scenari africani»

Ghani-talebani, un accordo per la vita politica

Cercasi taliban, disperatamente. Per colloquiare, trattare, pianificare un futuro che ad Ashraf Ghani sfugge di mano. Nonostante il patrocinio statunitense della sua elezione, nonostante il superamento dei brogli e dei contrasti quasi armati con Abdullah, nonostante l’affratellamento dei due contendenti la normalizzazione del Paese è pura finzione. Perciò, fra un attentato e l’altro,...

(15 Gennaio 2015)

Enrico Campofreda


in: «Afghanistan occupato»

La libertà al tempo della guerra totale

“Le guerre totali della nostra epoca hanno questo carattere specifico: sono il frutto dell'incontro mortifero e programmato della tecnica, che ha alla sua base i progressi scientifici, con la violenza esistente nel cuore della società di massa” (C. Pavone, Apuntes para una investigación sobre la guerra total en el siglo XX , in AA.VV, La guerra en la Historia, Ediciones Universidad...

(15 Gennaio 2015)

Rossana De Simone


in: «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

602129