il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il ratto d'Europa

Il ratto d'Europa

(17 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

CRISI, PANDEMIA E PATTO SOCIALE

(13 Dicembre 2020)

lav unitevi

Durante la pandemia si è stabilita una tregua, un patto sociale fra governo, padroni e sindacati confederali per contenere le rivendicazioni operaie e le proteste dei lavoratori e della piccola borghesia costretta a chiudere le attività commerciali, con lo slogan “siamo tutti nella stessa barca”. Per contenere la protesta il governo ha usato cassa infrazione e ristori, ma l’aumento dei prezzi, l’intensificazione dello sfruttamento per chi ha conservato il posto di lavoro, l’aumento della disoccupazione ha provocato un malcontento destinato a crescere.
Che cosa succederà quando fra qualche mese scadrà il blocco dei licenziamenti (anche se finora i licenziamenti economici, quelli disciplinari e quelli per aver violato il vincolo di fedeltà non si sono mai fermati), e i lavoratori non saranno più disposti a rinviare la difesa dei loro interessi?
Le manifestazioni, le proteste e gli scioperi che finora si sono manifestati solo sporadicamente in alcuni settori, aumenteranno di numero e sfoceranno in scioperi e manifestazioni di piazza sempre più numerose.
La crisi mondiale che investe tutti i paesi capitalisti dietro l’apparente unità nella lotta contro il coronavirus porta le borghesie dei vari paesi a scontrarsi e nasconde un’accanita guerra economica a cominciare da quella per assicurarsi il grande affare dei vaccini.
In ogni paese la classe dominante non ha saputo, o voluto, difendere la salute pubblica e oggi lucra sulla pandemia, chiamando all’unità sfruttati e sfruttatori per salvare l’economia nazionale e rendere competitivo il capitalismo imponendo sacrifici economici, limitazioni delle libertà costituzionali, limitazioni di sciopero e di manifestazione e Il coprifuoco.
La storia ha già dimostrato che sostenere gli interessi della propria borghesia non porta benefici ai lavoratori ma solo agli interessi delle multinazionali, dei padroni e a mettere i lavoratori di un settore o di un paese uno contro l’altro.
Scindere gli interessi dei lavoratori da quelli dei loro padroni è il primo passo per l’indipendenza proletaria.
Riconoscersi come appartenenti a una sola classe a livello internazionale, cominciare a organizzarsi autonomamente come classe operaia sui nostri interessi immediati e storici di là dall’appartenenza politica e sindacale è il primo passo.

Michele Michelino - Comitato per la difesa della Salute nei Luoghi di lavoro e nel Territorio

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio. (Sesto San Giovanni)»

1944