il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Serva dell'imperialismo

Serva dell'imperialismo

(19 Marzo 2011) Enzo Apicella
Il governo italiano mette a disposizione 7 basi militari per l'attacco alla Libia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Invito alla lettura di Scintilla n. 102 - ottobre 2019
    (15 Ottobre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Imperialismo e guerra)

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze

    (360 notizie dal 7 Marzo 2011 al 27 Marzo 2019 - pagina 10 di 18)

    Libia. I no war alle ambasciate dei paesi non belligeranti: ‘fermate la Nato, all’ONU usate il diritto di veto’

    09-06-2011/19:04 --- Finanziamenti al Consiglio nazionale di transizione (Cnt) di Bengasi, la solita ostentazione di sicurezza sulla prossima fine del regime del colonnello Muammar Gheddafi e discussioni sul futuro assetto politico della Libia: di questo si sta discutendo ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, dove per la terza volta dall’inizio della crisi libica si sono riuniti i rappresentanti...

    (10 Giugno 2011)

    Marco Santopadre, Radio Città Aperta

    Voci dalla Libia senza voce

    Parlano i libici che non hanno modo di far ascoltare la loro voce attraverso i media internazionali. Sono i civili che i bombardamenti della Nato li subiscono assieme al regime di Gheddafi.

    di Marinella Correggia (di ritorno da Tripoli) Si intensificano i bombardamenti aerei della Nato su Tripoli e sulla Libia occidentale e gli Stati Uniti ora ammettono senza imbarazzo alcuno di aver fornito, in palese violazione della risoluzione 1973, bombe ai ribelli che fanno capo al Consiglio nazionale transitorio di Bengasi. Le potenze occidentali sono ormai decisive ad abbattere con la forza...

    (4 Giugno 2011)

    Radio Città Aperta - Roma

    Libia: chi ha usato le bombe a grappolo a misurata

    Secondo Human Rights Investigation le "cluster bombs" viste atterrare in aree residenziali della città libica, non sarebbero da attribuire all’esercito governativo ma proprio alla Nato. E l'Alleanza Atlantica prolunga i bombardamenti di 90 giorni

    DI MARINELLA CORREGGIA Roma, 02 giugno 2011, Nena News – La Nato prolunga di altri 90 giorni il suo “impegno”, ossia i bombardamenti aerei nella Libia occidentale. La notizia data ieri dal Segretario generale dell'Alleanza Atlantica Anders Fogh Rasmussen, e’ giunta mentre le Nazioni Unite accusavano di crimini di guerra e contro l’umanità sia il colonello Muammar...

    (2 Giugno 2011)

    Nena News

    Libia: la Nato fa strage di civili. Corpi speciali britannici a fianco dei ribelli. Oggi proteste a Roma, Pisa e Napoli

    01-06-2011/11:01 --- La Nato, di fronte allo stallo militare e all’inatteso prolungarsi dell’operazione militare contro la Libia, nelle ultime ore sta intensificando i bombardamenti e sta di fatto dando il via all’invasione di terra anche se senza grandi proclami. Testimoni oculari riferiscono stamattina di sei potenti esplosioni che hanno scosso nel giro di dieci minuti il centro...

    (1 Giugno 2011)

    Marco Santopadre, Radio Città Aperta

    Il Consiglio di Cooperazione del Golfo: Il club della controrivoluzione

    Continuano i bombardamenti in libia

    Formano uno shish kebab di monarchie ereditarie, emirati e teocrazie assolute. La maggioranza sta seduta su oceani di petrolio (il 45% delle riserve mondiali). Sono tossico-dipendenti dal glamour e dai fronzoli dell’Occidente, da Londra a Montecarlo, dalle delicatessen di Parigi alle squisitezze armamentistiche dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). Detestano la democrazia...

    (1 Giugno 2011)

    Pepe Escobar

    Giù le mani dalla Libia, fuori la portaerei nucleare George H.W. Bush dal porto di Napoli!

    mercoledì 1 giugno - ore 17:30 PRESIDIO CONTRO LA GUERRA Oggi in diverse città italiane sono state organizzate iniziative, presidi, cortei, volantinaggi per ricordare che, ormai da due mesi, l’Italia, assieme ad altre potenze della NATO, sta bombardando il popolo libico. Sembra paradossale sentire il bisogno di dover “ricordare” non già qualcosa che appartiene...

    (1 Giugno 2011)

    Collettivo Autorganizzato Universitario – Napoli

    Libia, pesanti bombardamenti nella notte. No war oggi in piazza

    Tripoli ancora colpita dai raid della Nato. Il bilancio dei civili uccisi sotto i bombardamenti è salito a 718 morti e 4.076 feriti. Oggi manifestazioni contro la guerra a Roma, Napoli, Pisa. Sei potenti esplosioni hanno scosso nel giro di dieci minuti il centro di Tripoli, principale bersaglio da una decina di giorni delle incursioni aeree notturne della Nato: lo hanno reso noto testimonianze...

    (1 Giugno 2011)

    Redazione Contropiano

    Nessuna festa a favore della guerra

    Mercoledì 1 giugno manifestazione di protesta a Roma davanti al COI

    La Repubblica non può festeggiare la guerra, nonostante il Presidente della Repubblica sostenga la guerra in Libia e i bombardamenti bipartizan voluti dal governo e dalla maggioranza dell’opposizione in Parlamento. Gli attivisti No War e i pacifisti romani contestano la guerra e le spese militari e lanciano una manifestazione di protesta davanti al COI (Comando Operativo Interforze)...

    (30 Maggio 2011)

    L’ITALIA RIPUDIA ...LA PACE E TAGLIA LE SPESE SOCIALI PER PAGARE LA GUERRA

    Sono ormai mesi che l’Italia partecipa alla guerra e ai bombardamenti sulla Libia insieme ad altre potenze della Nato. La motivazione ufficiale è quella di “proteggere i civili”, la motivazione reale è quella di cacciare Gheddafi e mettere le mani sul petrolio e i soldi libici. Per raggiungere questi obiettivi gli aerei e le navi militari francesi, britanniche, italiane...

    (29 Maggio 2011)

    RETE NOWAR ROMA

    Si avvicina lo sbarco in libia

    E’ in arrivo nel Mediterraneo la portaerei Usa “George H.W. Bush”. È una grande base militare mobile ma anche una centrale nucleare. Pur avendo a bordo reattori più pericolosi di quelli di Fukushima, entrerà nella baia di Napoli e in altri porti.

    DI MANLIO DINUCCI Roma, 28 maggio 2011, Nena News (nella foto la portaerei nucleare George H.W. Bush) - Al termine del G8, il presidente francese Sarkozy ha annunciato che si recherà a Bengasi insieme al premier britannico Cameron, dato che «abbiamo le stesse idee». Essenzialmente una: «Mediare con Gheddafi non è possibile». La stessa idea l’ha espressa...

    (28 Maggio 2011)

    Nena News

    Libia, isolamento e bugie. Le denunce di docenti e Ong

    Tripoli --- “Si può bombardare di pomeriggio vicino a un’università? Per fortuna non c’erano studenti, eravamo chiusi per un problema avvenuto il giorno prima”. Ali Mohamed Mansour, originario di Ajdabia e rettore della facoltà di Economia e Scienze politiche dell’università Al Fateh, spiega che hanno centrato un campo militare in disuso ma...

    (24 Maggio 2011)

    Marinella Correggia per Radio Città Aperta

    Una corrispondenza dalla Libia sotto le bombe. Missili e manifestazioni a Tripoli, sfollati (da Misrata) a Sliten

    Tripoli e Zliten: 20-05-2011/11:14 - “Benvenuti a Tripoli ma adesso allontanatevi. Potrebbero tornare”. Ha un aplomb libico il piccolo comandante della nave in fiamme e fumo sotto la grande luna. Un cargo o una nave militare, non è chiaro. Quattro i feriti portati via dalle ambulanze e per fortuna nessun morto. I pompieri tentano di spegnere il fuoco fra il fumo acre. Altre imbarcazioni...

    (20 Maggio 2011)

    Marinella Correggia per Radio Città Aperta

    Oltre la nato, gheddafi deve temere le finte mediazioni di cina e russia

    Con uno di quei sovvertimenti morali tipici del mobbing, il fallimento dei tentativi della NATO di assassinare Gheddafi è diventato per la propaganda ufficiale un'ulteriore prova della malvagità del dittatore, che infatti cerca di sfuggire alle bombe invece di lasciarsi ammazzare docilmente. Questa delegittimazione totale dell'aggredito, comporta la infantilizzazione/ridicolizzazione...

    (19 Maggio 2011)

    Comidad

    Arriva in Libia una delegazione internazionale di attivisti per la pace. Il vescovo Martinelli: la Nato bombarda i civili

    15-05-2011/11:25 --- Mentre a Roma si sta svolgendo la seconda assemblea nazionale contro la guerra in Libia con delegazioni provenienti da tutto il paese, una delegazione di “Global Civilians for Peace in Libya”, un gruppo di attivisti indipendenti europei (fra cui due italiani), nordamericani, africani e mediorientali è arrivata a Tripoli nelle scorse ore. Due gli obiettivi della...

    (15 Maggio 2011)

    Marco Santopadre, Radio Città Aperta

    Libia: collateralismo della CGIL al PD

    Il Direttivo della CGIL ha rifiutato l'approvazione di un ordine del giorno contro i bombardamenti in Libia. In questo rifiuto c'è solo un ottuso allineamento al PD, il neo collateralismo iniziato dopo Cofferati dalla gestione Epifani ed ora accentuato ultra petita dalla segretaria Camusso che si sta dimostrando persona attentissima sopratutto al teatro o teatrino della politica. Cofferati...

    (14 Maggio 2011)

    Pietro Ancona già dirigente CGIL e membro del CNEL

    REPLICA AI TROTZKISTI DE’ NOANTRI

    In tema di guerra e “rivoluzione” in Libia

    L’aggressione imperialista-democratica alla Libia in corso rappresenta un banco di prova per il campo della rivoluzione e del suo contrario, come cento anni fa al tempo dell’impresa coloniale dell’Italia liberal-progressista giolittiana. Allora, 1911, i ventenni della sinistra intransigente del PSI demarcarono sull’opposizione alla guerra di Libia la premessa di ogni professione...

    (14 Maggio 2011)

    Nucleo Comunista Internazionalista

    Mani sporche sulla guerra in Libia

    Nella guerra di Libia, stanno emergendo una dietro l'altra tutte le assai poco nobili motivazioni che hanno portato le maggiori potenze europee della Nato a scatenare una operazione militare vera e propria contro quello che fino a tre mesi era ritenuto “un membro decisivo del partenariato euro-mediterraneo”. Ormai sono sempre meno coloro disposti ad accettare la motivazione ufficiale che...

    (12 Maggio 2011)

    Sergio Cararo

    Il nuovo "ordine" mondiale

    Gheddafi … stavolta tocca a te!

    Cominciamo con l’invocazione di un’icona della cultura occidentale, Dante: “lasciate ogni speranza, o voi che entrate”, perché il diritto internazionale come lo conosciamo ha appena ricevuto una stoccata al cuore. Il “nuovo” darwinismo sociopolitico implica neocolonialismo umanitario, assassinii mirati (esecuzioni extragiudiziali) e guerra di droni, tutto...

    (12 Maggio 2011)

    Pepe Escobar

    Roma: pacifisti contestano la direzione del PD. A Tripoli popolazione sconvolta dai bombardamenti NATO

    11/05/2011-17:15:00 --- La guerra in Libia prosegue, e le mobilitazioni del movimento contro la guerra pure. Oggi pomeriggio, a Roma, un folto gruppo di attivisti aderenti alla ‘Rete romana contro la guerra’ hanno realizzato una manifestazione di protesta davanti alla sede nazionale del Partito Democratico. Gli attivisti hanno contestato al PD, negli slogan e nei volantini distribuiti...

    (11 Maggio 2011)

    Marco Santopadre, Radio Città Aperta

    'cara' guerra

    Nazionale – martedì, 03 maggio 2011 Crediamo che nessuna persona dotata di un minimo di buon senso abbia creduto all’ipocrita bufala dell’intervento militare in Libia per la difesa dei civili. Francia e Gran Bretagna sono partite all’attacco da una parte per rientrare con ruoli egemonici nell’area mediterranea, dopo che le rivolte in Tunisia e in Egitto avevano...

    (3 Maggio 2011)

    USB Unione Sindacale di Base

    <<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

    260166