il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Berlusconi bombarda

Berlusconi bombarda

(26 Aprile 2011) Enzo Apicella
Dopo aver escluso l'impiego di aerei italiani bombardare la Libia, Berlusconi promette ad Obama l'esatto contrario

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze

(364 notizie dal 7 Marzo 2011 al 30 Agosto 2020 - pagina 17 di 19)

20.03.11 - G.Garavini - Le contraddizioni di una guerra neocoloniale europea

Domenica 20 Marzo 2011 21:12 Sul fatto che l’attacco alla Libia configuri una guerra neocoloniale non ci sono dubbi. Le potenze europee direttamente coinvolte nell’azione militare erano le principali potenze coloniali nella regione mediorientale e nordafricana ancora dopo la Seconda guerra mondiale: la Francia, la Gran Bretagna, e l’Italia. A rinforzare il simbolismo della guerra...

(21 Marzo 2011)

Giuliano Garavini

Libia. noi non ci arruoliamo! cessare immediatamente il fuoco

Nazionale – domenica, 20 marzo 2011 L’attacco delle forze europee e statunitensi alla Libia non avviene per mettere in campo un intervento umanitario ma è in tutta evidenza legato alle enormi risorse energetiche di cui quel paese dispone. Il mancato analogo intervento in altre situazioni simili – il massacro dei Palestinesi a Gaza da parte degli Israeliani che ha prodotto...

(21 Marzo 2011)

USB Unione Sindacale di Base

Libia e movimento No War. Guardiamoci dai finti tonti

I bombardamenti sulla Libia mettono in crisi i sostenitori dell'ingerenza militare umanitaria. Ripensamenti tardivi e ambiguità irrisolte non li assolvono dalle loro responsabilità. "Una cosa e' la Risoluzione dell' ONU, un' altra e' la sua applicazione. Una cosa e' difendere i diritti umani. Un' altra e' scatenare una guerra". Il Coordinatore nazionale della Tavola della pace, Flavio...

(21 Marzo 2011)

Contropiano

Una critica a Valentino Parlato

L’opposizione ad una guerra imperialista può essere condotta in molti modi ed a partire da diversi angoli visuali. Tuttavia, pur nel riconoscimento della pluralità delle articolazioni di un movimento nowar, vi sono delle posizioni che, di fondo, mal si conciliano con una vera battaglia internazionalista. Parlo, ad esempio, di un certo verbo vagamente umanitario, che spopola presso...

(21 Marzo 2011)

Stefano Macera

Nessuna complicità con l’intervento militare contro la libia

Fermare i bombardamenti della N.A.T.O.

Lunedi 21 marzo 2011 ore 17.30 presidio in piazza XX settembre (di fronte al Comune di Pisa) La risoluzione ONU n. 1973 , evidenzia come per gli Stati Uniti e per le potenze europee la posta in gioco in Libia non sono i diritti del popolo libico quanto gli abbondanti giacimenti e rifornimenti di petrolio e gas. Un obiettivo strategico, di fronte all’acutizzazione della crisi economica internazionale...

(20 Marzo 2011)

Rete dei Comunisti - Pisa / Associazione “Comunisti Uniti” Pisa

VICENZA non si piega alle operazioni belliche!

La guerra si è scatenata ancora una volta sul mediterraneo. Le maggiori potenze europee e gli USA hanno agredito questa volta la Libia. Si tratta di una nuova tappa della guerra permanente dopo Ex Jugoslavia, Albania, Somalia, Iraq, Afghanistan. Anche questa volta si parla di “guerra umanitaria” contro un pericoloso dittatore sanguinario, anche questa volta le vittime civili saranno...

(20 Marzo 2011)

USB VICENZA

Terrorista Nato

Sabato 19 marzo 2011 ore 18.00, una nuova coalizione di volenterosi, sotto il comando militare del premio nobel per la pace Obama, la guida morale del francese Sarkozy, e l'appoggio bipartisan delle forze politiche italiane (da PDL a Vendola), dietro l'effige della Nato e la legittimazione spirituale delle nazioni unite, si cimenta in una nuova missione umanitaria sul territorio libico. Nella giornata...

(20 Marzo 2011)

Collettivo Politico MILITANZ

Contro la nuova guerra imperialista in Libia, al fianco del proletariato del medio-oriente!

L'imperialismo occidentale ha ufficialmente iniziato una nuova guerra per il petrolio. Dietro la retorica della lotta in difesa di non meglio precisati "diritti umani" si cela nient'altro che l'interesse imperialista nel voler impossessarsi dei giacimenti petroliferi sul territorio libico. Gli imperialisti occidentali, vista la crisi e la saturazione dei mercati da essi dominati, hanno oggi una nuova...

(20 Marzo 2011)

Comunisti di Ponticelli

Pioggia di fuoco e uranio impoverito sulla Libia. A La Russa e Bersani non basta. Napolitano benedice la guerra

20-03-2011/15:02 --- "Rivediamo le immagini del lancio del missile Tomahawk dalla nave americana, sono molto belle...”. E’ mezzanotte, almeno 110 missili hanno già centrato altrettanti obiettivi in diverse località della Libia, senza contare i bombardamenti dal cielo. Rainews ha confermato che uno degli attacchi delle forze armate dei paesi che hanno appena scatenato l’ultima...

(20 Marzo 2011)

Marco Santopadre, Radio Città Aperta

Il nemico e' in casa nostra.

Contro i bombardamenti e l’intervento militare imperialista gridiamo la nostra opposizione

Dopo tante chiacchiere sulle soluzioni pacifiche dei contrasti internazionali, ancora una volta la parola è passata alle armi. La crisi economica ha acuito i contrasti interimperialisti accentuando la lotta per il controllo delle materie prime, dei mercati e delle zone di influenza strategiche e la guerra commerciale è diventata guerra militare. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU,...

(20 Marzo 2011)

Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano

La ninna nanna de la guerra

Ninna nanna, nanna ninna, er pupetto vò la zinna: dormi, dormi, cocco bello, sennò chiamo Farfarello Farfarello e Gujermone che se mette a pecorone, Gujermone e Ceccopeppe che se regge co le zeppe, co le zeppe d'un impero mezzo giallo e mezzo nero. Ninna nanna, pija sonno ché se dormi nun vedrai tante infamie e tanti guai che succedeno ner monno fra le spade e li fucili de li...

(20 Marzo 2011)

Trilussa

Mai fidarsi degli Italiani!

dal Trattato di amicizia, partenariato e cooperazione tra la Repubblica Italiana e la Grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista, firmato a Bengasi il 30 agosto 2008: http://it.wikisource.org/wiki/Trattato_Di_Amicizia, _Partenariato_E_Cooperazione_Tra_La_Repubblica_Italiana_E_La_Grande_Giamahir ia_Araba_Libica_Popolare_Socialista Articolo 3 Non ricorso alla minaccia o all’impiego della...

(20 Marzo 2011)

Usa e gb lanciano oltre 100 missili contro libia

Usa e GB lanciano 112 missili da crociera contro decine di obiettivi. Jet francesi hanno distrutto 4 tanks. La tv di stato libica riferisce di numerosi feriti e di un ospedale colpito. Secondo la rete satellitare Arabiya e l'agenzia britannica Reuters in azione ci sono anche aerei da combattimento italiani.

Roma, 19 marzo 20110, Nena News - Lanciato dai francesi questo pomeriggio con jet 2 Rafales, 2 Mirages e un Awacs, l'attacco della cosiddetta "coalizione dei volenterosi" contro la Libia cresce d'intensita' con il passare delle ore. Gli Stati Uniti hanno riferito di aver lanciato oltre 110 missili da crociera contro sistemi di difesa aerea e altri snodi di comunicazione, tutti situati sulla costa,...

(20 Marzo 2011)

Nena News

L’impero attacca in Libia, Bahrein, Yemen, Siria......

Siamo ad un nuovo passaggio della crisi globale, quello in cui le insorgenze che hanno scosso il dominio del capitale sono ora sottoposte ad un attacco militare globale da parte dell’Impero, colto in un primo momento di sorpresa dalla capacità di reazione e di lotta della moltitudine. Se in Europa e negli USA le lotte in autunno hanno segnato il passo a fronte di una loro gestione opportunistica...

(20 Marzo 2011)

Carlo CSA PG

Il centrosinistra alla guerra di Libia

Mentre Pdl e Pd (più Udc e Fli) portano l'Italia in guerra, anche Vendola si schiera con l'ONU e la NATO

Non sappiamo ancora che guerra sarà, ma da ieri l'Italia è in guerra con la Libia. Se la risoluzione dell'ONU ha dato il via libera all'intervento imperialista, il voto delle Camere è stato il semaforo verde alla piena partecipazione dell'Italia ad un'impresa di stampo neo-coloniale. «Basi, navi e aerei italiani contro Gheddafi», è questo il titolo del Corriere...

(20 Marzo 2011)

Leonardo Mazzei

Aggressione da gangsters degli imperialisti in Libia

Il popolo libico non ha bisogno di lupi per essere sorvegliato

Il KKE denuncia l’intervento militare in Libia, scatenato dall’ imperialismo internazionale con la partecipazione anche della Grecia , che vede in prima linea i macellai Franco-Britannici con l’appoggio degli USA. Questa è l’Unione Europea della “democrazia e della libertà”, questo è il “mondo libero”! Costituisce una vergognosa...

(20 Marzo 2011)

Partito Comunista di Grecia – KKE

Nessuna complicità con l’intervento militare contro la Libia

Con i bombardamenti occidentali in Libia diventa chiaro che la posta in gioco in Libia non sono affatto i diritti del popolo libico quanto gli abbondanti giacimenti e rifornimenti di petrolio e di gas. Un obiettivo questo ritenuto strategico di fronte all’acutizzazione della crisi economica internazionale e dalla inevitabile escalation dei prezzi energetici nei prossimi giorni. Di fronte agli...

(20 Marzo 2011)

Studenti comunisti Bologna

La ‘No fly zone’ dei liberatori cannibali

Tutto può raccontare il democratico Obama tranne che l’intervento Nato di queste ore, seguito al via libera dell’Onu, sia rivolto a favore del popolo libico. La ‘No fly zone’ richiesta a gran voce dall’intero fronte dell’omologazione politica occidentale è lanciata contro Gheddafi e i suoi sostenitori, ma a medio termine potrà rivolgersi contro...

(20 Marzo 2011)

Enrico Campofreda

Ancora una volta in guerra.....

on il consenso di quasi tutti: da Fini a Casini, da Berlusconi a Bersani , da Larussa a Veltroni e al troppo morbido Vendola... Inquieta questa TRASVERSALITA' nel NON memorizzare l'art.11 della COSTITUZIONE ITALIANA "L'ITALIA RIPUDIA LA GUERRA", soprattutto il giorno dopo che si è celebrata l'unità del Paese e ci si è riempiti la bocca del valore della carta costituzionale e...

(20 Marzo 2011)

Marina Alfier San Donà di Piave

Libia, cacciare Gheddafi. No all'intervento militare imperialista

La repressione brutale del dittatore libico contro la rivoluzione popolare costituisce il miglior supporto per l'intervento militare imperialista, con l'effetto di frenare il processo rivoluzionario in corso in tutto il mondo arabo. La 'no fly zone' decisa dal Consiglio di sicurezza dell'Onu avviene dopo che è stato concesso a Gheddafi di riprendere possesso di gran parte del territorio liberato,...

(20 Marzo 2011)

Sinistra Critica - Organizzazione per la Sinistra Anticapitalista

<<    | ... | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 |    >>

277747