il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Pro mutuo mori

Pro mutuo mori

(19 Settembre 2009) Enzo Apicella
In un attentato a Kabul, sono colpiti due blindati italiani, uccidendo 6 parà della Folgore

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...)

Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...

Per il ritiro immediato delle truppe d'occupazione e delle "missioni di pace"

(572 notizie dal 6 Novembre 2002 al 28 Settembre 2011 - pagina 5 di 29)

Politica estera del centro sinistra? Niente da salvare !

MARTEDI 25 MARZO 2008 A 9 ANNI DAI BOMBARDAMENTI SULLA EX JUGOSLAVIA GIORNATA DI MOBILITAZIONE E RACCOLTA FIRME PER LA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE SUI TRATTATI INTERNAZIONALI, LE BASI E LE SERVITU MILITARI Assistiamo da giorni ad una recrudescenza di conflitti in varie zone del mondo, alcune artatamente oscurate, altre giocoforza al centro dell’attenzione, altre infine galvanizzate e messe...

(21 Marzo 2008)

La Rete nazionale Disarmiamoli!

Il mondo, la sinistra, l’assassinio dell’iraq, i partigiani

Amarcord: 17 marzo 2003, cinque anni fa oggi, sull’autostrada Amman-Baghdad

Uno scossone, il pulmino che precipita sul lato, s’inarca, si blocca nel fosso a due centimetri dal palo della luce. Bozzo sulla fronte da incontro con il parabrezza. Io arrivavo da Roma e stavo in braccio a Morfeo. L’autista, spossato dal terzo millechilometri in 24 ore tra Amman e Baghdad, era riuscito a frenare nel dormiveglia. Non avevamo potuto rimpimparci con il caffè turco...

(17 Marzo 2008)

Fulvio Grimaldi

5 anni di troppo! Fuori le truppe dall’Iraq!

10 giorni di disobbedienza civile a Washington

A Roma, Sit-in per le idi di marzo: “Et tu, Congresso?” Largo Argentina, sabato, 15 marzo, ore 16.30-18.30 In occasione del 5° anniversario dell’invasione dell’Iraq, negli Stati Uniti si preparano 10 giorni di azioni di disobbedienza civile di massa a Washington DC. L’intenzione è interrompere il “business as usual” prendendo di mira i “pilastri...

(8 Marzo 2008)

Statunitensi per la pace e la giustizia

No alle missioni di guerra, no alle guerre del petrolio e dell’oppio!

Comincia domani alla Camera l'esame del rifinanziamento di tutte le missioni militari all'estero: il movimento contro la guerra torna in piazza! Avrà inizio domani alla Camera l’esame del decreto-legge sul rifinanziamento di tutte le missioni militari all’estero, ultimo grazioso regalo del governo Prodi dimissionario. E’ facile prevedere che, questa volta, in clima elettorale...

(19 Febbraio 2008)

Maurizio Bassetti

Contro la guerra : lotta di classe!

contro l’opportunismo: chiarezza ed internazionalismo.

Solo l’internazionalismo proletario, cioe’ la lotta di classe contro i padroni di casa propria, puo’ fermare la guerra e trasformarla in rivoluzione sociale. Ogni altro appello ad istituzioni, a parlamenti, a costituzioni, e’ un inganno ed un imbroglio per i poveri e gli sfruttati almeno quanto la democrazia che li esprime. La planetizzazione del capitalismo, con la attuale...

(19 Febbraio 2008)

Coordinamento per l’autonomia di classe www.controappunto.org

Non esistono missioni “buone”

No al rifinanziamento delle truppe italiane all’estero

Dal 19 febbraio alla Camera e successivamente al Senato si discuterà ancora una volta del decreto che finanzia e approva le missioni militari italiane all'estero. In questi ultimi due anni di governo Prodi l'impegno militare italiano nei vari fronti di guerra è aumentato. I vertiginosi aumenti di spesa (+ 24%) per Esercito e produzioni belliche - varati con le Finanziarie 2007 / 2008...

(17 Febbraio 2008)

Rete nazionale Disarmiamoli

La Rete28Aprile aderisce alle mobilitazioni del Patto permanente contro la guerra

Primo appuntamento: 20 febbraio 2008 – sotto Montecitorio (Roma)

Ritirate subito le truppe italiane dai fronti di guerra Votate contro quel decreto La prossima settimana alla Camera e quella successiva al Senato si discuterà ancora una volta del decreto che finanzia e approva le missioni militari italiane all’estero. Il Patto permanente contro la guerra chiede a ogni singolo parlamentare di votare contro l’intero decreto di rifinanziamento delle...

(16 Febbraio 2008)

Rete 28 Aprile nella Cgil per l’indipendenza e la democrazia sindacale http://www.rete28aprile.it

Ritirate subito le truppe italiane dai fronti di guerra

Non votate quel decreto

Mercoledi 20 manifestazione sotto Montecitorio L’uccisione di un altro militare italiano sul fronte di guerra in Afghanistan (sono ormai tredici i soldati uccisi in questi anni), conferma la validità della richiesta del ritiro immediato delle truppe italiane dall’Afghanistan e dagli altri teatri di conflitto La prossima settimana alla Camera e quella successiva al Senato si discuterà...

(15 Febbraio 2008)

Il Patto permanente contro la guerra

Un altro militare italiano ucciso in Afghanistan

Il prezzo quotidiano di una guerra bipartisan

Alle 15 locali (le 11.30 in Italia) del 13 febbraio un militare italiano è stato ucciso a 60 chilometri da Kabul, in Afghanistan, e un altro è rimasto ferito. I due, entrambi dell'Esercito, sono rimasti coinvolti in un attacco con armi da fuoco portatili mentre stavano svolgendo una missione nel distretto di Uzeebin, a circa 60 chilometri dalla capitale. Per qualche giorno i media nazionali...

(14 Febbraio 2008)

La Rete nazionale Disarmiamoli! http://www.disarmiamoli.org

Morto un altro militare italiano in Afghanistan.

Ritirate subito le truppe dai fronti di guerra

L’uccisione di un altro militare italiano sul fronte di guerra in Afghanistan (sono ormai tredici i soldati uccisi in questi anni), conferma la validità della richiesta del ritiro immediato delle truppe italiane dall’Afghanistan e dagli altri teatri di conflitto” è quanto sostengono in un appello gli attivisti No War organizzatisi – dopo la manifestazione del...

(14 Febbraio 2008)

RCA

Anticipati i tempi della mobilitazione per il ritiro delle truppe italiane dai fronti di guerra

Resoconto riunione gruppo collegamento del Patto permanente contro la guerra

Martedi 5 febbraio si è riunito il gruppo di collegamento del Patto permanente contro la guerra per valutare il calendario delle iniziative messe in cantiere alla luce del nuovo scenario nel nostro paese. Lo scioglimento delle Camere e la convocazione delle elezioni, ha infatti modificato il calendario del dibattito parlamentare sul decreto di rifinanziamento delle missioni di guerra all’estero. La...

(9 Febbraio 2008)

Appello per una manifestazione nazionale il 1°marzo a Roma

Ritiro immediato dei contingenti militari italiani da tutti i fronti di guerra. L'Italia cessi di essere complice della guerra permanente

Lanciamo un appello affinché sabato 1 marzo una nuova e grande manifestazione popolare porti in piazza la richiesta del ritiro immediato delle truppe italiane da tutte le aree di guerra e affinché le crescenti spese destinate al settore militare vengano utilizzate per le assai più urgenti esigenze sociali. Il Consiglio dei Ministri del decaduto governo Prodi, ha reiterato –...

(5 Febbraio 2008)

Resoconto della assemblea del patto permanente contro la guerra

Tenuta a Roma il 27 gennaio 2008

Erano presenti: Cobas, Sinistra Critica, Rete dei Comunisti, Rete Disarmiamoli, Rete Semprecontrolaguerra, Asssociazione Umanista Mondo senza guerre, Comitato contro Camp Darby, Partito Comunista dei lavoratori, Rdb-Cub di Vicenza, Action, Rete contro il G8 Genova, Collegamenti Internazionalisti… La partecipazione è stata limitata dal blocco di tutti gli autoveicoli a Roma e dall’impegno...

(29 Gennaio 2008)

Novantuno anni di condanna contro il movimento antiguerra fiorentino

Le sentenze contro i 13 imputati al processo per gli incidenti sotto il Consolato Usa a Firenze del maggio ’99 sono andate ben oltre le richieste del Pubblico Ministero. Il Giudice ha condannato a sette anni tutti gli imputati, emettendo così una sentenza “esemplare”, che va ben al di là del giudizio specifico contro il movimento fiorentino. In un clima generale di...

(29 Gennaio 2008)

La Rete nazionale Disarmiamoli!

Il Governo dimissionario rifinanzia tutte le missioni militari

Nonostante la crisi di governo, il Consiglio dei ministri ha approvato oggi, di corsa, un decreto che rifinanzia tute le missioni militari all'estero. Alla vigilia della giornata di mobilitazione contro le basi militari e contro la guerra, il Governo Prodi -dimissionario- ha approvato di corsa un decreto-legge che rifinanzia tutte le missioni militari all'estero, a cominciare da quelle in Afghanistan...

(25 Gennaio 2008)

Maurizio Bassetti

Tanti auguri dai “fronti di pace”.

Parole ed opere dei nostri “Signori della guerra”.

Le Forze Armate italiane – enunciava Napolitano lo scorso 4 novembre - rischiano di dover fronteggiare «nuove e possibili emergenze». Vanno - ricorda - «dall’aggravarsi della situazione in Afghanistan, dall’incombere di gravi incognite nella regione che abbraccia l’Irak e l’Iran, dal riaccendersi di acute contrapposizioni nei vicini Balcani, dal persistere...

(24 Dicembre 2007)

Rete nazionale Disarmiamoli!

Patto permanente contro la guerra: Report della riunione di Firenze

Lunedì 17 dicembre il gruppo di collegamento del "Patto permanente contro la Guerra", come deciso dall'assemblea nazionale del 25 novembre scorso, si è riunito a Firenze per elaborare proposte di azioni e lotta in occasione della giornata contro la guerra proposta dal Forum Sociale Mondiale il 26 gennaio 2008, per discutere il complesso delle iniziative contro le missioni, le basi e...

(22 Dicembre 2007)

Napolitano, un presidente guerrafondaio

Nonostante l'enorme aumento delle spese militari, disposto dalla finanziaria approvata oggi definitivamente dal Senato, Napolitano chiede ancora soldi per le missioni militari all'estero. Nel nostro sistema costituzionale il Presidente della Repubblica è "un re che regna, ma non governa". Pur disponendo, infatti, di importanti e delicati poteri (ad esempio, quello relativo allo scioglimento...

(21 Dicembre 2007)

Maurizio Bassetti

Verso una nuova Adua?

Tra novembre e dicembre, c’è stato un definitivo chiarimento delle reali posizioni del governo sulla questione militare. Non è più possibile alcun equivoco, almeno per chi segue attentamente le discussioni politiche. Ricordiamo alcuni punti salienti, come la forte eco della lettera di Alex Zanotelli: “Oggi sento che devo esternare la mia delusione, la mia rabbia…...

(12 Dicembre 2007)

Michele Basso http://www.sottolebandieredelmarxismo.it/

No war festival 2007

14-15 dicembre area fiera Lanciano

La guerra riemerge violentemente con l’uso indiscriminato delle bombe sui civili, con il terrore di Stato, con la chiusura unilaterale del dialogo e della trattativa. La guerra, sempre più, si presenta come strumento privilegiato degli Stati più forti e dei potenti della Terra, a partire dalle grandi multinazionali, per costruire un “ordine” internazionale fondato sul...

(28 Novembre 2007)

<<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

146554